Arcadya – Quando acquistare è la naturale conseguenza

Home  >>  Couchbase News  >>  Arcadya – Quando acquistare è la naturale conseguenza

Arcadya – Quando acquistare è la naturale conseguenza

On maggio 22, 2014, Posted by , In Couchbase News,Eventi, With No Comments

Abbiamo fatto una chiacchierata volante con i ragazzi di Arcadya , giovane start-up che sarà presente al Couchbase Day del 10 Giugno a Milano

Abbiamo chiesto ad Alberto Cuculachi, founder di Arcadya di parlarci del suo progetto

 

Alberto Cuculachi:

Arcadya è una start up, attualmente in H-Farm, specializzata nel creare soluzioni web che trasformino il momento d’acquisto nella naturale conseguenza dell’esperienza vissuta online.

Abbiamo ideato una piattaforma per creare community in cui brand, professionisti o imprese possano interagire al meglio con i propri clienti ,offrendo un’esperienza semplice e coinvolgente. Offriamo uno strumento personalizzabile , capace di integrarsi con i siti pre-esistenti e di fondersi con tutti gli strumenti professionali utili a promuovere la propria attività e a finalizzare la vendita come e-commerce, social network e siti di gestione eventi.

 “Oggi per vendere non basta il prodotto, servono emozioni, storie e coinvolgimento. Arcadya è la soluzione ideale per rendere l’acquisto la conseguenza naturale dell’esperienza che l’utente vive online”

Abbiamo scambiato due parole anche con chi si occupa degli sviluppi sul  back-end, Gabriele Monteduro.

Massimo:

Ciao Gabriele, ci dici qualcosa sull’ architettura di backend del vostro progetto ?

Gabriele Monteduro:

Ciao Massimo, volentieri.

A livello tecnologico la piattaforma è sviluppata in PHP, utilizzando Couchbase.

Abbiamo scelto di utilizzare Couchbase per le incredibili prestazioni che garantisce. Personalmente seguo da qualche anno lo sviluppo di questo database e trovo molto utile si appoggi su memcached per il caching e il protocollo dati. Nell’ultimo anno poi sono state implementate diverse funzioni, tra cui le viste map-reduce e delle api per verificare lo stato di persistenza dei dati.

Tutto ciò permette di avere un tempo d’esecuzione delle richieste al database quasi irrisorio rispetto al tempo di elaborazione dell’applicazione.

 

Massimo Ferracci:

Grazie ragazzi vi aspettiamo al Couchbase Day per saperne qualcosa in piu’ sul vostro interessante  progetto

 

 

Lascia un Commento